Seguire il Sentiero della Natura. Fare della propria Vita un'Opera d'Arte. Sognare per Credere. Un progetto di Francesca Salcioli

Arte e follia. Arteterapia e psichiatria, fra Ottocento e Novecento.

Le prime contemporanee teorizzazioni d’arteterapia risalgono agli anni ’40 e ’50 dello scorso secolo e giungono a definizioni quali “arte come terapia”, proposta da Edith Kramer, o “psicoterapia attraverso l’arte”, di Margaret Naumburg.
L’arteterapia incontra la medicina occidentale già nel corso dell’Ottocento, dove psichiatri innovatori, fra i quali il francese Philippe Pinel, aprono le porte degli ospedali psichiatrici all’arte, proponendo musicoterapia e una libera espressione delle proprie immagini mentali, in atelier sempre più stabili e ricchi di possibilità comunicative (pittura, scultura, musica, danza e recitazione).
È in questo contesto che nasce il fortunato binomio “arte e follia”, che tanto ispirerà la letteratura dell’arte psicopatologica, nel tentativo di trovare delle corrispondenze fra segni e figure della libera creatività del paziente e i sintomi del disagio mentale.
Questo approccio “sintomatico” all’arteterapia è stato ampiamente superato grazie alla teorizzazione di brillanti psichiatri, quali il tedesco Hans Prinzhorn, che rivoluzionò i sistemi di lettura dell’opera artistica, proponendola non in termini diagnostici ma piuttosto come libera e unica espressione del mondo interiore. Il paziente psichiatrico non è quindi più oggetto di analisi, attraverso l’arte, ma è incontrato profondamente come persona e artista, attraverso la sua opera.

wolfli

L’opera di Adolf Wölfli (1864 – 1930), artista e paziente psichiatrico svizzero.

Nessun commento ancora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il Salotto Olistico

Specchi Sciamanici dell’Introspecchio

Corso 21 Giorni di Mandala

Corso 21 Giorni di Autoritratto Interiore

Corso Ambularte

Mappa dell’Arteterapia: corsi e professionisti

Facebook Pagelike Widget
Facebook Pagelike Widget
Facebook Pagelike Widget

Note buone

Le Buone Arti non costituisce testata giornalistica, non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità
del materiale.

A cura di

Le Buone Arti è un progetto di Francesca Valentina Salcioli, p.iva 07256660965.
error: Content is protected !!