Seguire il Sentiero della Natura. Fare della propria Vita un'Opera d'Arte. Sognare per Credere. Un progetto di Francesca Salcioli

Dopo la tratta e la schiavitù: l’Arte che libera. Arteterapia contro il traffico di esseri umani.

libertaUn Articolo pubblicato su The Guardian riporta i grandi benefici riconosciuti alla pratica artistica a scopo terapeutico e citati quest’anno in occasione del Congresso contro la tratta degli esseri umani, organizzato dall’ATEST per sensibilizzare il Senato americano sulla necessità dell’emanazione e applicazione di nuove leggi contro la schiavitù e il traffico di persone.

Come sopravvissuti al traffico di essere umani non siamo veramente liberi finché non diventiamo liberi dagli effetti post-traumatici, ha dichiarato Margeaux Gray, vittima dello sfruttamento sessuale minorile, testimoniando la sua personale esperienza di terapia con l’arte e sottolineando la necessità di un aumento dei servizi nella riabilitazione psicologica ed emotiva, fra i quali l’Arteterapia. Le vittime si vergognano del loro passato e sono discriminate dalla stessa società per essere state coinvolte nel traffico sessuale, sottolinea Atira Tan, direttrice dell’Art2Healing project, organizzazione australiana che lavora con i sopravvissuti della tratta sessuale in India e Nepal. Il processo di creazione artistica è in grado di fornire un luogo sicuro dove la storia può essere raccontata in modo creativo e non invasivo.

Ma l’Arteterapia non è solo riabilitazione, ma anche un territorio dove fare ricerca e raccogliere dati, per monitorare i bisogni e la salute mentale dei sopravvissuti, e uno spazio dove coltivare la prevenzione, attraverso interventi di lunga durata, che possano favorire la consapevolezza e ridurre il rischio di cadere di nuovo vittime di sfruttamento.

Grandi organizzazioni come Save the Children e Human Rights Watch stanno già sperimentato da anni l’attività artistica nella riabilitazione con le vittime di crisi umanitarie, osserva Rich McEachran, giornalista di The Guardian. Ma, nonostante le approfondite ricerche di terapeuti ed accademici,  l’Arteterapia è ancora esclusa, o poco considerata, dalle politiche di molte organizzazioni non governative. “L’Arteterapia ha il potere di alleviare il trauma” dichiara McEachran nel sottotitolo“perché dunque non è ampiamente utilizzata per aiutare i sopravvissuti a ricostruire le proprie vite?”

“Tali approcci sono solo piccoli passi in relazione al quadro più ampio di porre fine alla tratta e alla schiavitù” osserva il giornalista di The Guardian, “ma sono passi nella direzione giusta conclude.

Foto: bambini sopravvissuti alla schiavitù mostrano le opere create insieme all’artista Benjamin Swatez. India.

 

Nessun commento ancora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Corso di Perfezionamento in Arteterapia e Art Team Building all’Accademia di Belle Arti di Udine

Il Salotto Olistico

Specchi Sciamanici dell’Introspecchio

Corso 21 Giorni di Mandala

Corso 21 Giorni di Autoritratto Interiore

Corso Ambularte

Mappa dell’Arteterapia: corsi e professionisti

Facebook Pagelike Widget
Facebook Pagelike Widget
Facebook Pagelike Widget

Note buone

Le Buone Arti non costituisce testata giornalistica, non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità
del materiale.

A cura di

Le Buone Arti è un progetto di Francesca Valentina Salcioli, p.iva 07256660965.
error: Content is protected !!