Seguire il Sentiero della Natura. Fare della propria Vita un'Opera d'Arte. Sognare per Credere. Un progetto di Francesca Salcioli

Arteterapia: quando la ricerca dice sì.

ricercaChe l’arte faccia bene è indubbio. In un certo senso, le sue potenzialità terapeutiche e maieutiche sono paragonabili a quelle della parola, essendo entrambe codici di linguaggio, verbale e non verbale-creativo. In generale, le peculiarutà terapeutiche del linguaggio e della comunicazione (su cui si basa anche la pet therapy, con la centralità della relazione con l’animale) offrono risultati cospicui ed affascinanti. Tanto cospicui e reali da entrare stabilmente all’interno di strutture ospedaliere: pensiamo ad esempio alla Bottega dell’Arte, atelier stabile dell’Ospedale Fatebenefratelli di Brescia, o alla Scuola di Artiterapie dell’Ospedale Niguarda di Milano.

Se, nell’esperienza pratica, i risultati dell’arte in termini di salute sono evidenti (pensiamo che la musicoterapia è utilizzata in ambito psichiatrico da almeno quattrocento anni), negli ultimi anni anche la ricerca ha più volte confermato le potenzialità terapeutiche della creatività e dell’espressione artistica. Ad esempio, uno studio pubblicato nel 2010 sul Journal of Allergy & Clinical Immunology ha dimostrato l’efficacia dell’arteterapia nel trattamento pediatrico dell’asma. Nel 2008 una ricerca dell’Università di Granada ha testimoniato i benefici dell’arte nel trattamento di patologie psichiatriche in fase acuta. E già al 2006 risale uno studio del Northwestern Memorial Hospital di Chicago, che ha confermato l’efficacia dell’arteterapia nel ridurre i sintomi correlati ad ansia e dolore, in pazienti oncologici. E che l’arte faccia bene è assicurato anche dalla norvegese University Of Science and Tecnology di Trondheim che, in uno studio del 2011, dimostra una riduzione dell’ansia e della depressione, in concomitanza con piccoli lavori creativi o contemplazioni artistiche.

Anche il mondo della ricerca si mobilita quindi per raccontare il “come” e il “quanto” di questi risultati che, seppur difficilmente misurabili (come in tutte le scienze umane, per natura non esatte), sono indubbiamente visibili e tangibili sul campo, dove la medicina incontra l’arte per offrire opportunità di maggiore salute e benessere per il paziente e, soprattutto, per la persona.

Foto di Billy Alexander.

Nessun commento ancora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Master di 1° Livello in Art Team Building all’Accademia di Belle Arti di Udine

Benefici della Creatività sulla nostra Salute

Il Salotto Olistico

Specchi Sciamanici dell’Introspecchio

Corso 21 Giorni di Mandala

Corso 21 Giorni di Autoritratto Interiore

Corso Ambularte

Mappa dell’Arteterapia: corsi e professionisti

Facebook Pagelike Widget
Facebook Pagelike Widget
Facebook Pagelike Widget

Note buone

Le Buone Arti non costituisce testata giornalistica, non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità
del materiale.

A cura di

Le Buone Arti è un progetto di Francesca Valentina Salcioli, p.iva 01235510318.

error: Content is protected !!