Seguire il Sentiero della Natura. Fare della propria Vita un'Opera d'Arte. Sognare per Credere. Un progetto di Francesca Salcioli

Psicologa, mamma e ballerina: ci racconta perché l’arte fa bene.

gaiaCi accoglie con un bellissimo bambino in braccio e il sorriso tipico di chi l’opera d’arte l’ha cresciuta in grembo: Gaia Polla è una moglie e una mamma felice, ma anche una psicologa dell’età evolutiva, innamorata del suo lavoro, che si concentra sulla salute psichica ed emotiva dei più piccoli.

Gaia lavora presso le strutture nido e materna del Consorzio l’Arca di Trieste, dove le attività artistiche sono proposte ai bambini a partire dai 18 mesi d’età. «In generale», spiega Gaia, «le pratiche di disegno hanno il duplice obiettivo di favorire e contenere l’espressione emotiva», in tal senso possono essere utilizzati sia grandi pennelli e fogli appesi ai muri, ottimi per un’espressione libera e vivace, sia piccoli fogli sul pavimento, i cui limiti strutturali sono più adatti ad un’esperienza di contenimento del bambino.

Il disegno è incontrato dapprima attraverso il corpo e il contatto con le dita, e poi con l’uso di strumenti, quali pennelli, pennarelli e matite. Ai più piccoli, si propone la prima attività pittorica in forma di latte e cacao, che diviene colore commestibile, con cui tracciare i primi segni creativi con le dita. Ai più grandicelli, dai 3 anni in su, è possibile proporre anche attività di manipolazione della materia, attraverso l’uso della pasta di sale, di cacao e della plastilina, che favoriscano sia la coordinazione motoria del bambino sia la rielaborazione emotiva dello stesso. La creazione di statuette quali personaggi e mondi famigliari permette infatti al bambino di parlare di sé, con la tipica distanza e vicinanza che concede l’arte, che ne caratterizza la terapeuticità.

Ma Gaia Polla sottolinea l’importanza terapeutica dell’arte anche nell’età adulta: «suonare, cantare, ballare, qualsiasi attività creativa ha la capacità di agire emotivamente su di noi in termini di gioia, aumentare la nostra autostima, favorire la socializzazione e promuovere la coordinazione personale e di gruppo». E Gaia ha fatto della danza la sua attività d’arte prediletta, provando Hip Hop, Flash Dance, danze orientali e, per finire, latino americani: diversi stili che l’hanno accompagnata in un «percorso di evoluzione della personalità», dalla ricerca e scoperta della spontaneità e della femminilità, fino alla socializzazione gioiosa dei balli di gruppo.

Insomma, creare fa bene: parola di psicologa. E mamma, con le scarpe da salsa.

Nessun commento ancora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Master di 1° Livello in Art Team Building all’Accademia di Belle Arti di Udine

Benefici della Creatività sulla nostra Salute

Il Salotto Olistico

Specchi Sciamanici dell’Introspecchio

Corso 21 Giorni di Mandala

Corso 21 Giorni di Autoritratto Interiore

Corso Ambularte

Mappa dell’Arteterapia: corsi e professionisti

Facebook Pagelike Widget
Facebook Pagelike Widget
Facebook Pagelike Widget

Note buone

Le Buone Arti non costituisce testata giornalistica, non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità
del materiale.

A cura di

Le Buone Arti è un progetto di Francesca Valentina Salcioli, p.iva 07256660965.
error: Content is protected !!